Digitale Terrestre problemi in tempo reale

Chi ritiene che la la tecnologia digitale terrestre per la fruizione dei canali televisivi sia qualcosa di recente, sbaglia di grosso. I primi esperimenti furono introdotti negli anni ’70 negli Stati Uniti. Nel Vecchio Continente il digitale terrestre fece la sua prima comparsa nel 1995 quando si iniziò a sperimentarne l’utilizzo.

Non fu facile giungere alle soluzioni tecnologiche necessarie per consentirne un utilizzo diffuso, ed è per questa ragione che solo a partire dagli inizi del decennio del 2000 abbiamo iniziato a usufruire di questo nuovo metodo di decodifica dei segnali televisivi su larga scala.

Per ciò che riguarda l’Europa, nel Maggio del 2005 la Commissione Europea decide di passare al digitale terrestre, imponendo agli stati membri di effettuare lo switch-off entro e non oltre il 2012, data limite stabilita per il passaggio definitivo su tutto il territorio dell’Unione Europea. Con il termine inglese switch-off si indica la disattivazione del segnale analogico e il passaggio a quello digitale terrestre.

L’Italia, in realtà, aveva già preparato le basi per il cambiamento nel quattro anni prima del varo della normativa europea con l’approvazione della Legge 66/2001recante disposizioni urgenti per il differimento di termini in materia di trasmissioni radiotelevisive analogiche e digitali, nonché per il risanamento di impianti radiotelevisivi ” come si legge nel titolo della Legge di conversione.

A livello nazionale la conversione fu avviata però solo nel 2008, con due anni di ritardo rispetto alla data stabilita dalla Commissione Europea. Fu infatti necessario attendere un paio di anni affinché tutto il territorio italiano potesse realizzare il passaggio tecnico tra la televisione analogica e quella digitale terrestre: non eravamo ancora pronti per garantire la copertura a tutti i territori italiani.

Per ciò che riguarda il tipo di tecnologia utilizzata, il digitale terrestre – conosciuto anche attraverso le sigle TDT oppure DTT – basa la trasmissione televisiva sul segnale digitale anziché su quello analogico. Si tratta, in massima sintesi, dello stesso tipo di segnale che si utilizza per navigare su Internet da PC o da Smartphone. Non è necessario modificare l’antenna perché la ricezione del segnale passa per gli stessi impianti della TV analogica, è invece necessario dotarsi di un decoder o di un apparecchio televisivo di nuova generazione che lo integri.

La decodifica del segnale televisivo avviene attraverso un sistema – denominato MPEG2 e con la versione più recente che è la MPEG4 – in grado di codificare e di comprimere il segnale audio e video, oltre alla multiplazione, il sistema che consente di combinare insieme più segnali di tipo analogico o digitale e di trasferirli utilizzando lo stesso apparato fisico, in questo caso il televisore.

L’avvento del digitale terrestre ha modificato le abitudini delle popolazioni che ne usufruiscono e ha migliorato il rapporto con le trasmissioni televisive. In che modo? Innanzitutto perché è possibile la visione gratuita di una grande quantità di canali televisivi. Inoltre è possibile aderire ad abbonamenti a pagamento per accedere a contenuti di canali televisivi di questo genere, il che arricchisce ancora di più l’offerta.

Per vedere i canali televisivi è sufficiente dotarsi di appositi decoder da collegare all’apparecchio televisivo. Via via, sono stati prodotti televisori che integrano la tecnologia digitale terrestre.

Passando ai miglioramenti di tipo tecnico, con il digitale terrestre la visione delle trasmissioni è molto migliorata, è più nitida e il suono ha una qualità di livello maggiore rispetto al passato.

Al primo switch-off è seguita anni dopo la necessità di un ulteriore passaggio, causato dall’esigenza di dover liberare spazio sulla banda 700mhz delle telecomunicazioni, dedicata alla tecnologia 5G. In Italia, a partire dal 2021, è stato avviato il processo di passaggio al nuovo standard digitale terrestre o DVB T2, che dovrà essere completato entro Gennaio 2023.

Secondo alcuni dati aggiornati al 2021, il 30% dell’Italia è digitalizzata. L’ulteriore passaggio consentirà una maggiore copertura a livello nazionale.

Abbiamo realizzato questa breve guida introduttiva alla tecnologia digitale terrestre per presentarti il servizio down radar. Si tratta di un utile servizio online che, attraverso le segnalazioni di utenti del web come te, può contribuire a migliorare molti servizi digitali, compreso il digitale terrestre.

Come funziona down radar? Facciamo un esempio pratico: quando non si riesce a collegarsi a un canale oppure, se si tratta di connettività web, l’accesso a un sito è impossibile, è sufficiente accedere alla pagina relativa al servizio o all’azienda e segnalare il down. La raccolta di questi dati ci permette di realizzare una mappa che consente di visualizzare la situazione a livello territoriale e l’andamento della situazione nel corso del tempo, per comprendere se si tratta di una condizione temporanea o di un problema di proporzioni più gravi.

Problemi al digitale terrestre oggi

I grafici sottostanti riportano il numero di segnalazioni ricevute dalla mezzanotte di oggi e le compara con il numero di segnalazioni ricevute la settimana scorsa. Se la linea blu (segnalazioni odierne) è nettamente superiore a quella grigia (segnalazioni settimana scorsa), allora potrebbero esservi problemi di ricezione. Inoltre, la mappa vi aiuta a capire la distribuzione geografica delle segnalazioni. Il terzo grafico invece mostra il trend delle segnalazioni ricevute da inizio anno.

Problemi segnalati dagli utenti

Cosa segnalano gli utenti che stanno avendo problemi con il digitale terrestre in questo momento? La tabella sottostante mostra le parole chiave piu comunemente utilizzate dagli utenti del digitale terrestre.

Infine, utilizza il modulo sottostante se vuoi segnalare pubblicamente un problema con il digitale terrestre. Ti ricordiamo che non siamo in alcun modo collegati a nessun canale televisivo o piattaforma e che tutte le segnalazioni contenenti dati personali verranno eliminati prima della pubblicazione.

Problemi con Digitale Terrestre? Segnalali qui

1 segnalazioni

Segnala un problema
grande distribuzione
prodotti per la casa