Assistenza clienti ATAC Roma

Nel 1909, l’allora sindaco di Roma Ernesto Nathan, ebbe l’idea di lanciare un’iniziativa nell’area della municipalizzazione della capitale fondando l’AATM – Azienda Autonoma Tranviaria Municipale – e questo a margine del grande successo ottenuto dal referendum comunale tenutosi il 20 settembre 1909.

La municipalizzazione dei servizi, all’epoca, era qualcosa di davvero innovativo, e tra questi servizi vi era quello dei trasporti, che in tal modo diventarono pubblici.

Poco tempo dopo la fondazione, l’impresa cambiò denominazione in ATM – Azienda Tranviaria Municipale – iniziando una vera gara alla concorrenza contro la società privata di trasporti SSRTO, Società Romana Tramways Omnibus.

La prima linea a essere inaugurata da ATM fu quella che collegò Piazza Colonna con la Basilica di Santa Croce in Gerusalemme. Era il 21 Marzo 1911 e la capitale stava per cambiare faccia permettendo ai suoi cittadini di spostarsi più agevolmente da  una parte all’altra della città.

Alcuni anni dopo, nel 1919, la ATM riuscì a divenire titolare di materiale rotabile e linee di trasporto della SRTO, ed ecco arrivare anche una nuova modifica alla denominazione, che divenne ATG: Azienda Tranvie del Governatorato per giungere, nel 1927, a una nuova trasformazione in ATAG Azienda Tranvie e Autobus del Governatorato (di Roma).

Dal 1930, dopo la totale dismissione della SRTO, la municipalizzata capitolina entrò in possesso di tutta la rete dei trasporti, istituendo la circolazione degli autobus e dismettendo le vecchie linee dei tram, la cui circolazione avviene su rotaia.

ATAC S.p.A. – il cui acronimo significa Azienda Tramvie e Autobus del Comune (di Roma) – oggi è l’impresa concessionaria della quasi totalità del servizio di trasporto pubblico locale ma anche di altri tipi di servizi, come per esempio quello delle soste a pagamento.

Il socio unico è l’ente Roma Capitale.

Lo slogan aziendale è: “Lavoriamo con trasporto”.

Nei paragrafi successivi percorreremo tutte le informazioni relative all’azienda, partendo come sempre dagli indirizzi delle sedi e fornendo anche i numeri telefonici e le caselle di posta elettronica. Passeremo poi all’approfondimento della piattaforma ufficiale sul web, e infine a tutti i metodi per entrare in contatto con il servizio di assistenza clienti.

Indirizzi, numeri telefonici e contatti email

Per chi ha necessità di recarsi direttamente presso la sede legale, oppure nel caso in cui si debba inviare posta tradizionale, ecco l’indirizzo completo:

ATAC S.p.A. Azienda per la mobilità
Via Prenestina, 45
00176 Roma

Il numero telefonico del centralino aziendale è il seguente:

  • 06 46951.

Gli uffici operativi si trovano invece al seguente indirizzo:

Viale degli Archivi, 40
00176 Roma

In questo caso il numero unico del centralino risponde allo:

  • 06 57003.

Ecco infine la PEC , indirizzo di Posta Elettronica Certificata: protocollo@cert2.atac.roma.it

Piattaforma web

Per accedere alla piattaforma web istituzionale cliccare sul link Atac Roma online.

Il sito è ricco di informazioni su tutte le attività che fanno parte delle proposte di Atac: dai trasporti pubblici ai lavori di superficie in programma sulle strade della capitale, fino alle gare e agli appalti pubblici, che secondo le norme sulla trasparenza devono essere resi noti ai cittadini.

Per usufruire dei servizi online è necessario registrarsi gratuitamente al sito compilando l’apposito modulo di registrazione con tutti i dati richiesti.

Tra i servizi online troviamo:

Appare molto utile la sezione “Situazione in tempo reale”, attraverso la quale si può verificare la situazione delle linee delle metro, dei bus e dei trasporti su rotaie, e controllare la presenza di eventuali blocchi della circolazione dei mezzi pubblici o di lavori in corso nelle strade cittadine che rendono possibili cambi di percorso o l’attivazione di bus navette quando, per esempio, ci sono situazioni di sciopero della metropolitana capitolina.

Per apprendere maggiori informazioni sui servizi proposti sulla piattaforma web di Atac Roma può essere utile la lettura della pagina delle FaqFrequently Asked Question – con le risposte alle domande che, con maggior frequenza, sono poste dagli utenti agli operatori del call center.

Per chi volesse prendere visione dei bandi di gara attivi, è sufficiente accedere all’apposita sezione, cliccando sul seguente link: Atac Roma i bandi di gara.

Assistenza clienti

Diverse sono le modalità per entrare in contatto con il servizio di assistenza clienti di Atac Roma.

Nei paragrafi che seguono riportiamo tutte le  informazioni utili e anche relative ai numeri telefonici dei call center e alle altre opzioni disponibili.

Assistenza clienti telefonica

Telefonando al numero unico 06 57003 si possono ottenere Informazioni su:

  • permessi (ZTL, strisce blu, contrassegni speciali persone con disabilità)
  • piano bus turistici
  • car sharing
  • segnalazioni semafori e parcometri
  • orari e percorsi del trasporto pubblico
  • abbonamenti e titoli di viaggio

Il servizio di assistenza telefonica è attivo nella seguente fascia oraria: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 08.00 alle ore 18.00.

Assistenza clienti telefonica per persone con mobilità ridotta

Per i viaggiatori con mobilità ridotta, è possibile entrare in contatto con il call center dedicato, digitando il numero verde gratuito (per chi telefona da rete fissa): 800 154451.

Il servizio rende possibile ottenere informazioni e assistenza su:

  • Mobilità delle persone con disabilità
  • Contrassegni speciali
  • Accesso in ZTL (Zone a Traffico Limitato)

Il call center è attivo nella seguente fascia oraria: dal Lunedì al venerdì dalle ore 08.00 alle ore 18.00 ed esiste anche una numerazione telefonica dedicata alla ricezione dei fax : 06 46956660.

Assistenza clienti tramite WhatsApp

Atac Roma ha attivato un profilo su WhatsApp attraverso il quale è possibile chiedere informazioni e assistenza.

È sufficiente registrare sulla rubrica del proprio cellulare il numero di telefono 335 1990679 e inviare un messaggio.

ATTENZIONE: il numero è attivo esclusivamente per la ricezione di messaggi sull’applicazione di messaggistica.

Assistenza clienti telefonica per informazioni turistiche e su eventi culturali

Telefonando al numero telefonico 06 0608 si possono ottenere informazioni turistiche e anche sugli eventi culturali in programma nella capitale.

Se si preferisce inviare una richiesta tramite mail ecco la casella di posta elettronica a cui inoltrare il messaggio: info@060608.it

ATTENZIONE: il call center è attivo tutti i giorni dalle ore 09.00 alle ore 19.00 al costo di una telefonata urbana.

Assistenza clienti sui Social Network

Eccoci infine alla lista dei link per accedere alle pagine ufficiali di Atac Roma presenti sui più diffusi Social Network e creati proprio per soddisfare le richieste di assistenza e di informazioni da parte degli utenti, che possono inviare un messaggio via chat, o tramite posta privata, al team che si occupa della gestione dei profili digitali.

Ecco il link di accesso alla pagina ufficiale di Atac Roma su Facebook e quello per accedere al profilo presente su Twitter. infine, esiste anche una pagina ufficiale di RomaMobilità su Instagram.

Il giudizio dei clienti

Valutazione media

50%

 2.5/5 (8)
 2.5/5 (8)
 2.5/5 (8)

Commenta il servizio ricevuto da ATAC Roma

Condividi la tua esperienza con l'assistenza clienti ATAC Roma. L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Ho preso visione della normativa relatva al trattamento dei dati e acconsento all'invio delle mie informazioni. ATTENZIONE: Assistenza-Clienti.it non è in alcun modo collegato con l'azienda. Tutti i commenti sono sottoposti ad un processo di approvazione. Non verranno pubblicati i commenti contenenti linguaggio osceno e dati personali come codici clienti, indirizzi, ecc.
38 Opinioni
  1. Avatar
    Alessandro Dato 5 mesi fa

    mio malgrado devo comunicare un disservizio : il giorno 24 novembre 2020 alle ore 17,20 ero alla fermata “Pontina Tumiati” in attesa dell’autobus. Dopo un attesa di 15 minuti ecco venire l’autobus numero 705 ( estremi dell’autobus 6067 targa FA471HB) l autista rallenta ma poi riprende la corsa , nonostante avessi fatto il solito cenno per avvisarlo di fermarsi , ho il tempo di vedere che non c era tanta gente e che l autista era senza mascherina. Subito dopo passa l autobus 706 che riesco a prendere e cerco di raggiungere, riuscendoci, l autobus che non si era fermato, e anche questa volta si ripete quanto accaduto alla fermata suddetta.

     3/5
     3/5
     3/5
  2. Avatar
    Daniela 6 mesi fa

    ATAC ha dato in gestione le linee periferiche che saltano le corse!!!! Il servizio reclami lo chiamo da tre settimane per la linea 777 è non ho risolto nulla!!!! Siete da denuncia per interruzione di pubblico servizio!!!! ATAC non risponde e quindi non puoi fare reclamo neanche a loro per fare cessare tutto questo!!!!! Sono un utente che paga e viene preso in giro!!!! Con il privato i calci nel sedere prendevate!!!!! Altri che saltare le corse!!!! Poi in tempo di covid si parla di mascherina quando andiamo su autobus pieni perché saltano le corse!!!!!

     3/5
     3/5
     3/5
  3. Avatar
    Massimo 6 mesi fa

    Pessimo il servizio clienti.
    Praticamente rimani in attesa senza nessuno che risponda!!!
    CHE VERGOGNA!!!!

     3/5
     3/5
     3/5
  4. Avatar
    laura peluso 11 mesi fa

    terribile! Servizio clienti inesistente!

     1/5
     1/5
     1/5
  5. Avatar
    Roberto Barbagallo 1 anno fa

    la linea telefonica per gli oggetti smarriti non è presidiata, non risponde nessuno

     1/5
     1/5
     1/5
  6. Avatar
    MARIA ANTONIETTA RUOTOLO 2 anni fa

    Da piu di un mese cerco di contattare disperatamente il Customer Care per sapere chi, all’interno dell’azienda, è preposto al rilascio di scontrini non in corso di validità, visto che gli sportelli ristampano solo quelli ancora validi. La dipendente a Ponte Mammolo mi dice che è semplicissimo, si fa on line … banale, no ? Eppure dopo svariati messaggi tramite AtacRisponde, email / fax (il primo inviato il 16 luglio) , a tutt’oggi non ho avuto un riscontro . Stamattina ho richiamato il centralino ma nessuno sa nulla, non c’è modo di entrare in contatto con un ufficio. Semplicemente avvilente .

     3/5
     3/5
     3/5
  7. Avatar
    Carlo Agate 2 anni fa

    Linea 088, sabato ore 10,30,autista impreparato non si ferma alla fermata San Giovanni di Dio, persone di oltre 80 anni che dovrebbero scendere perché lì c’è il mercato, tira dritto adducendo che è una fermata a richiesta. Lo sollecito a fermarsi perché ha sbagliato e lui invece inveisce contro tutti, sapendo di essere intoccabile, così i vecchietti hanno dovuto fare 300 metri sotto il sole. Io ho fotografato la vettura è la palina della fermata che conferma che l’autista è un incapace. Atac dovrebbe far pulizia al suo interno. Autisti che guidano come se avessero una Ferrari, che parlano al cellulare ed inviano sms….e tutto il resto…e noi paghiamo

     1/5
     1/5
     1/5
  8. Avatar
    Rossella 2 anni fa

    Dopo varie segnalazioni sul sito dell’ATAC dal 2018, purtroppo a oggi ancora tutto è immobile. Le segnalazioni riguardano il parcheggio di scambio della M Laurentina. Appena 5 minuti prima della chiusura notturna del parcheggio, si contano quotidianamente circa 200 posti auto (solo nelle aree al coperto!) occupati perennemente da SUV stracolmi di lenzuola sporche e annodate contenenti chissà cosa (alla faccia della sicurezza) e macchine abbandonate completamente coperte da tre dita di polvere. Inoltre i posti auto sono regolarmente occupati da auto in sosta notturna. Ci sono registrazioni video di ciò che scrivo. Urge con estrema sollecitudine un intervento affinchè i pendolari “giornalieri” che usufruiscono del parcheggio, trovino posti liberi e non indebitamente occupati senza massacranti attese alla sbarra d’ingresso. E’ di prassi anche lo scambio del posto tra macchine della stessa famiglia nelle ore di punta. Purtroppo c’è un bel trucchetto per uscire indisturbati senza pagare un centesimo e tutti gli utenti ne sono a conoscenza. Dovremmo rivolgerci a “Striscia la notizia” e a “Le Iene”?

     5/5
     5/5
     5/5
  9. Avatar
    Jania Sarno 2 anni fa

    In mezzo al coro di proteste che sempre come cittadini siamo proclivi a levare, con molta gioia vorrei raccontare una storia di “buon servizio” pubblico.
    Mi trovavo, martedì 6 novembre mattina, poco prima delle 8, sulla Metro B, dove ero salita a San Paolo per recarmi a Monti Tiburtini, dove i miei colleghi mi aspettavano per proseguire il viaggio, fuori Roma, insieme. Essendo il tragitto in metro un po’ lungo, mi sono accomodata, sfilandomi e poggiando dietro di me, contro la spalliera, il mio prezioso zainetto, contenente il computer Mac nuovo (ma già pieno di importantissimi documenti e dati), un apparecchio IPod classic con migliaia di tracce audio, che uso per il mio lavoro, importanti documenti del Dipartimento accademico che coordino e l’agenda. Purtroppo, senza troppo pensare, ero salita per sbaglio su un treno in direzione Jonio. Quando me ne sono accorta, mi sono precipitata fuori, lasciando senza avvedermene lo zainetto sul sedile. Ho preso la metro in senso contrario, ho cambiato treno prendendone uno verso Rebibbia, quand’ecco che mi rendo conto di essere troppo leggera. Panico immediato. Mi precipito ancora una volta fuori del vagone, nella stazione in cui mi trovo: Quintiliani. Salgo, in stato davvero confusionale, alla postazione del personale Atac posta accanto ai tornelli e vi trovo un gentilissimo addetto, che subito identifica, in base alle mie indicazioni orarie, il presumibile numero del treno su cui lo zaino è restato. Immediatamente scrive una mail a tutte le stazioni, segnalando l’accaduto e cercando anche di supportarmi con parole di conforto e solidarietà. In men che non si dica, ecco il risultato: dalla stazione Conca d’Oro, così allertata, arriva una chiamata al mio numero di cellulare, intanto trovato nell’agenda: l’addetto alla sorveglianza Atac di quella stazione, immagino recandosi a prendervi servizio, ha trovato lo zainetto, lo ha raccolto – ha avuto anche il coraggio di prenderlo, aggiungo: un collo abbandonato! – e lo ha portato in salvo con sé. Torno indietro, cambio di nuovo metro ed eccomi a Conca d’Oro, dove ricevo il mio zaino con tutto il suo prezioso contenuto, accolta da gentilezza e cordialità, sia dall’addetto alla sorveglianza autore del ritrovamento sia dagli altri due addetti di stazione. Sono passati poco più di trenta minuti fra il momento in cui mi sono resa conto di aver perso lo zaino in una metro affollatissima di una metropoli, e quello in cui lo zaino è nuovamente con me. Incredibile e davvero bello. Bella l’umanità, oltre che la solerzia, con cui mi sono stata trattata. Bello anche esprimere, come dal cuore sento di fare, gratitudine e apprezzamento verso questi lavoratori Atac. Nella consapevolezza più generale, che vorrei anche esprimere, che non tutto va male, che le persone sono in genere – anche nel vituperato “pubblico” – animate da cura e dedizione verso il proprio lavoro e che bisogna semplicemente, senza preconcetti, saperlo vedere, riconoscere, raccontare.
    J. Sarno

  10. Avatar
    stefania santoro 2 anni fa

    Da circa una settimana si ripetono i disagi per gli utenti della ROMA LIDO:
    le corse delle ore di punta che dovrebbero essere OGNI 10 MINUTI (Da e verso ROMA) sono incomprensibilmente modulate OGNI 15 MINUTI con la conseguenza di avere le BANCHINE e TRENI STRACOLMI.

  11. Avatar
    Patrizia 3 anni fa

    Oggi 29.08.18 ore 18.27 fermata metro Baldo degli Ubaldi, io e mia sorella, abbiamo timbrato biglietti appena acquistati ai tornelli ma uno di questi non si è aperto. Ho cercato gli addetti metro presso l’apposito gabbiotto ricoperto dall’interno da cellophane lungo l’intera vetrata da impedirne la vista. Ho bussato, mi ha aperto un uomo (un altro era rimasto seduto all’interno) che mi ha detto in modo seccato e maleducato che non era un suo problema, che lui si occupa della sorveglianza e di fare un altro biglietto malgrado quello fosse appena acquistato.

  12. Avatar
    Francesco 3 anni fa

    Da mezz’ora aspetto il 310 a Piazza Bologna direzione Piazza Vescovio. Il mezzo ha già saltato due corse e con questo caldo il disagio è enorme.

  13. Avatar
    Francesca 3 anni fa

    Cinque persone alla fermata Tiburtina Ottoboni direzione Rebibbia da mezz’ora e il primo 163 che passa non si ferma, nonostante le nostre ripetute segnalazioni! Vergognoso e imbarazzante! Nessuno risponde al telefono e non è possibile comunicare con il servizio. Inesistenti.

  14. Avatar
    Alma 3 anni fa

    Vorrei fare un reclamo ma non so con chi devo parlare!!!non c’è nessuno che risponde ai reclami

  15. Avatar
    PAOLA 3 anni fa

    il numero 0657003 non risponde, non c’è modo di parlare con un operatore

  16. Avatar
    PAOLA 3 anni fa

    Il numero verde non risponde NESSUNO non c’è modo di parlare con un operatore

  17. Avatar
    Andrea 3 anni fa

    Ore 13,00 di domenica 1 luglio allo 06 57 003 non rispondono.

  18. Avatar
    Cristiano 3 anni fa

    Martedì 26 Giugno attesa di oltre due ore fermata 341 dalle ore 18.20. Nessuna notizia. Indecente

  19. Avatar
    Martina 3 anni fa

    Servizio indecente. In via Togliatti ho atteso il bus 556 per circa 1 ora, in più il centralino atac non risponde mai é perennemente occupato anche se a questo punto mi verrebbe da pensare che sia direttamente staccato. Ho dovuto prendere 1 ora di permesso a lavoro oggi e ogni mese mi pento amaramente di comprare l’abbonamento.

  20. Avatar
    Paola 3 anni fa

    Tutti i giorni, verso le ore 14.00 io, insieme ad altri colleghi attendiamo il 93 (fermata 81846) per 50 minuti. In questo momento ci sono 2 autobus 93 al capolinea, 2! L’ultimo arrivato circa 25 minuti fa… Ma noi aspettiamo al caldo da 50 minuti. Non se ne può più.

  21. Avatar
    Giovanni 3 anni fa

    Metro B….. senza aria condizionata…. ma si può??????????????????????????????????????????????????

  22. Avatar
    Gioia pieroni 3 anni fa

    L’azienda fornisce un servizio indecente non solo per un problema di mezzi vecchi e sempre guasti ma soprattutto per la maleducazione e il modo sciatto con cui il suo personale lavora.
    Oggi al capolinea Termini Laziali della metro Giardinetti il conducente del treno, con motore spento e porte chiuse non mi ha aperto per farmi salire, nonostante mi sbracciassi e battessi sulle porte e non fossi l’unica persona sulla piattaforma in attesa di salire, una volta messo in moto è partito lasciando a terra me e un altro passeggero.
    Tutto questo sotto gli occhi increduli dei suoi colleghi che si sono limitati a commentare:” Non vi avrà visto!l

  23. Avatar
    Memi 3 anni fa

    Ore 21.07 arrivo in fermata. Partenza da capolinea del presunto autobus (6111) programmato alle ore 21.12.
    La fermata, dopo essere stata rispostata nella vera collocazione e dopo essere stata la fermata sostitutiva, dovrebbe trovarsi subito dopo una rotatoria in zona torresina2.
    Il presunto autobus, invece di girare nella via della fermata per verificare se effettivamente situavano Delle persone ad aspettare, ha continuato la rotatoria andando direttamente alla successiva fermata situata a torresina.
    Ci sono scioperi ecc per gli stipendi e ok. Io sono una comune cittadina che si trova a dover usufruire di questo mezzo e che paga regolarmente il biglietto, ma mi sorge un dilemma: pago parte dello stipendio di una persona per cosa!? Autisti che programmano le partenze a loro piacimento, che saltano le fermate senza nessuna motivazione reale e sono costantemente in ritardo!? Perché mi è stato riferito che le partenze sono programmate dal capolinea e che non possono partire senza il loro consenso..
    Sì ok, potevo pensare potesse essere vero, ma soprattutto il 46B si gestisce abbastanza autonomamente perché ho la bellissima fortuna di effettuare la corsa da capolinea a capolinea ogni giorno e posso verificare che gli autisti nonostante sia arrivato l’orario di partenza fanno ben altro al di fuori della vettura. Per giunta non è possibile che su (esempio) due vetture in circolazione, in un verso non c’è neanche un autobus, mentre nell’altro verso ce ne sono due a distanza di poche fermate.
    Il mio quesito quindi è questo: pagare per cosa!? Comprendo lo sciopero ma comprendo anche le persone che al contrario di me non pagano un servizio effettuato malissimo! Soprattutto perché il 46B è l’unica vettura che arriva in determinate zone.

  24. Avatar
    corrado 3 anni fa

    sono rimasto a Roma tre giorni per una serie di incontri e ne ho approfittato per andare di qua e di la, spesso con una valigia. In nessuna delle stazioni metro dove sono sceso, compresa quella di Ottaviano, c’è una scala mobile e il servizio ascensori era interrotto. Considerando la mole di persone anche disabili che si recano in Vaticano c’è da chiedersi che tipo di accoglienza ricevono. Nei tre giorni di permanenza avrò visto massimo 10 persone che inserivano il biglietto nell’apposita macchinetta sugli autobus e non posso pensare che fossero tutti abbonati. Mi sono anche preso la briga di fotografare un vetro di quelli da rompere in caso di emergenza ma senza nessun martelletto. Poso capire quindi il deficit in cui versa la società. qualche controllo alle fermate potrebbe mettere un freno a tutto ciò.

  25. Avatar
    Daniele Macor 3 anni fa

    ATAC non è degna di essere la società di mezzi di trasporto pubblico della capitale. Corse cancellate in continuazione senza fornire alcun avviso, autobus in ritardo, nessun controllo dei biglietti al punto che mi sono sentito stupido ad averlo regolarmente timbrato. Per 6 km alle 00.30 ho impiegato piu di 50 minuti nonostante mi fossi presentato in orario alla fermata, ci mettevo meno a piedi. Uno scandalo veramente.

  26. Avatar
    Bruna 3 anni fa

    Servizio inesistente, non sono riuscita a segnalare in alcun modo il mal funzionamento della macchina erogatrice n.587di biglietti alla stazione di Ostia Antica che nonostante i 3€ inseriti non ha erogato alcun biglietto

  27. Avatar
    Berto Sara 3 anni fa

    Sono vari giorni che alla metro di subaugusta l ‘ascensore non funziona. Inoltre il personale è inesistente. La stessa cosa è successa poco tempo fa alla fermata re di roma. Chi di dovere dovrebbe svolgere meglio il proprio lavoro. Perché immagino che un responsabile ci sarà?!oppure è in esistente anche questa figura qui a Roma?

  28. Avatar
    Stephanie 3 anni fa

    Viaggio a roma con i mezzi ogni giorno ed è un incubo: ritardi, corse cancellate, autobus stracolmi e sudici. Un azienda da ripensare da capo…..

  29. Avatar
    Ada 3 anni fa

    Ho aspettato il 714 alla stazione Termini per 40 minuti, inutilmente. Il sito dell’atac, in più, dà informazioni totalmente erronee, continuando a cambiare l’orario di arrivo previsto, con tutti i disagi che ciò comporta. Questa situazione è davvero vergognosa. Questo non è un servizio, ma un disservizio a 360 gradi.

  30. Avatar
    Enrica 3 anni fa

    Il numero verde 06-57003 che dovrebbe essere attivo dal lunedì al venerdì 8-18,00 non consente di comunicare con nessuno perchè cade la linea ogni volta.

  31. Avatar
    Valeria 3 anni fa

    Servizio assolutamente inesistente, ho provato a chiamare in maniera continuativa per più di un’ora il ‘numero unico’ 0657003 (dichiarato attivo 24 h su 24 anche durante i festivi) e seppur pigiassi il tasto di richiesta non mi veniva selezionata la scelta. Provando a digitare un altro numero, tale da potermi far passare l’ufficio inerente in un secondo momento, dopo qualche minuto la linea cadeva.

  32. Avatar
    Gianni 3 anni fa

    Non rispondono al telefono. Ma che razza di servizio è?

  33. Avatar
    Giorgio 3 anni fa

    Volevo segnalare la pessima copertura della linea 913, con dei continui salti di corse, che penalizzano i cittadini, che si ritrovano a dover salire su mezzi stracolmi. Chiedo pubblicamente di porre fine a questa situazione, facendo in modo che i mezzi partono con puntualità dai rispettivi capolinea, e di sensibilizzare il personale responsabile, che il servizio venga garantito in modo soddisfacente.
    Ho appena chiamato il numero 06-57003, che dovrebbe essere attivo 24 ore su 24, come da voi riportato, ma il disco dice che il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 08.00 alle 18.00

  34. Avatar
    Giox 4 anni fa

    Situazione insostenibile per la linea 722 che collega la metro Laurentina a Trigoria; tutti i giorni più di un’ora di attesa, sia all’andata che al ritorno, perché non ci sono vetture, senza tenere in considerazione che la linea serve un ospedale e le fermate sono piene di anziani e pazienti in attesa sotto il sole cocente. La zona di Trigoria è già collegata alla metro dalla linea 707, si potrebbe abbreviare il percorso del 722 e renderlo una linea express tra la metro Laurentina e l’Ospedale e Università Campus Bio Medico, così si sfrutterebbero meglio le poche vetture (rotte, sporche e maleodoranti) a disposizione. Noi utenti l’abbonamento continuiamo a pagarlo, ma non riceviamo il servizio adeguato.
    Ieri 7 luglio 2017 abbiamo raggiunto il culmine, la linea 722 è stata direttamente soppressa lasciandoci tutti a piedi. Grazie ATAC!

  35. Avatar
    Giuseppe 4 anni fa

    Dopo aver atteso un’ora (dalle 15.50 alle 17 del 16 maggio) l’autobus 993 alla fermata Casal del Marmo/civico 675 l’autista dell’autobus ha fermato il mezzo fuori fermata di circa 20 metri e non ha aperto la porta per la salita . Alle mie rimostranze mi ha risposto in modo sgarbato e maleducato

  36. Avatar
    Roberto 4 anni fa

    Cosa commentare ? ti tengono in attesa 10 minuti poi casca la linea ogni volta…

  37. Avatar
    giuseppe 4 anni fa

    Stamattina 9/11/2016 alla fermata subaugusta della metro gente che passa i fornelli tranquillamente senza pagare il biglietto, chiamo il personale al gabbiotto e il tipo con la fascia al braccio con la scritta atac sicurezza., mi dice che ha altro da fare e non vede nulla, arriva un altro tipo a cui faccio presente che la gente che non paga il biglietto si ritorce contro di loro, faccio presente che io con il mio abbonamento contribuisco a pagare anche il loro stipendio e il tipo . con il sorrisino da presa in giro mi fa, grazie grazie molto gentile, ecco questo e’ il personale che gestisce la metro. da mandare a spasso e chiudere tutto, vergogna

  38. Avatar
    Arrabbiata 5 anni fa

    Tpl 044 che doveva partire alle 13.22 … l’autista alle 13.20 incontra un’amica se ne va al bar e così con molto comodo l’autobus parte alle 13.40…. rispetto zerp…..e nessuno gli può fare niente tanto non ci sono controlli….che vergogna.

Inserisci risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Assistenza-clienti.it, P.I. 03389280367 - Protetto da licenza Creative Common CC BY-NC-SA 2.5. Marchi e loghi sono dei rispettivi proprietari. Privacy Policy e Cookie Law

Log in with your credentials

Forgot your details?